Balsamo Camilliano

La storia di San Camillo e quella del mio ginocchio

Vi chiederete come mai questo Balsamo si chiama “camilliano”
bene!  ecco qui la sua storia tratta  da Aleteia.it e quella del mio ginocchio .
Buona lettura

San Camillo: da alcolista e dedito al vizio a santo patrono dei malati e degli ospedali

San Camillo de Lellis, fondatore dell’Ordine dei Ministri degli Infermi, è il patrono dei malati, dei professionisti del settore sanitario e degli ospedali. Ben prima della creazione della Croce Rossa, i religiosi del suo ordine, noti come Camilliani, divennero apostoli della carità di Cristo in uno degli scenari più angoscianti dell’esistenza umana in questo mondo: quello della malattia.

Dai traumi al vizio
Camillo nacque nel 1550 a Bucchianico. A 17 anni aderì volontariamente all’esercito veneziano, e insieme alle truppe testimoniò il dramma dei malati che agonizzavano di fronte alle malattie più varie e devastanti. Egli stesso iniziò a convivere in quel periodo con una dolorosa ulcera al piede, che lo avrebbe accompagnato fino all’ultimo giorno della sua vita. Come se non bastasse, perse anche il padre. La sua vita cambiò allora drasticamente e si diede ai piaceri mondani, incluso il gioco d’azzardo, dal quale divenne dipendente.
Senza denaro né salute, non trovava un luogo in cui curarsi. Partì per Roma per chiedere soccorso all’Ospedale San Giacomo, e non avendo soldi si offrì di lavorare come inserviente e infermiere. Non appena la ferita fu cicatrizzata, tornò a unirsi all’esercito per combattere contro i Turchi ottomani, che all’epoca stava cercando di espandersi verso l’Europa occidentale.

Recupero e ricaduta ancor peggiore
A 23 anni, quando si era già quasi ripreso a livello economico, Camillo ricadde nei vizi mondani e giocò fino a perdere tutto. Tornò a Napoli e promise di diventare religioso francescano, voto che aveva già dimenticato l’anno successivo, quando era nuovamente immerso nel gioco d’azzardo.
Il gioco e l’alcool erano vizi che lo abbattevano con una forza brutale. In miseria, Camillo partì per Venezia. Freddo, fame e indigenza non avendo neanche un tetto per dormire non bastavano ad allontanarlo dal vizio, e in un’altra delle sue tante sconfitte al gioco dovette pagare con la sua stessa camicia.

Dagli abissi della miseria alle vette della misericordia
Dopo aver vagato per le vie del mondo, Camillo trovò ospitalità nel convento dei Cappuccini, dove iniziò a convertirsi davvero.
Le prediche trasformarono a poco a poco il suo cuore, fino a portarlo a riconoscersi peccatore urgentemente bisognoso della misericordia di Dio. Entrò nell’Ordine dei Cappuccini, ma non poté fare la professione di voti religiosi a causa della malattia alla gamba. Si dedicò allora a curare i malati nell’ospedale di San Giacomo, diventandone sovrintendente.
Colpito dalle dolorose necessità del prossimo, Camillo fondò un’associazione di persone disposte a consacrarsi per carità al servizio dei malati. A 32 anni tornò a studiare sotto l’accompagnamento di San Filippo Neri, e a 34 poté finalmente ricevere l’ordine sacro diventando sacerdote.


L’Ordine dei Ministri degli Infermi
Da allora, padre Camillo avviò l’Ordine dei Ministri degli Infermi insieme a due compagni che si prendevano ogni giorno cura dei malati presso l’Ospedale dello Spirito Santo. La sua motivazione derivava dal fatto di vedere in loro Cristo stesso. Oltre a curarli nella dimensione fisica, cercava anche di avvicinarli ai sacramenti, prendendosi così cura della loro anima.
Col tempo, il servizio dell’ordine si estese. I Camilliani assunsero la missione di aiutare i prigionieri malati e i convalescenti in case individuali. San Camillo inviò anche dei religiosi con le truppe dell’esercito per assistere i soldati feriti.
Molti religiosi morirono nel compimento di questa missione, alcuni anche per la peste. Nonostante questo, San Camillo e i suoi confratelli portarono avanti eroicamente il loro operato, che dura ancora oggi. I Camilliani hanno fondato e mantengono molti ospedali in vari Paesi, anche in zone nelle quali senza di loro l’assistenza sanitaria dei più poveri sarebbe gravemente compromessa, quando non del tutto inesistente.

Finalmente, il riposo nella Casa del Padre
Il santo dei malati ha sempre sofferto di forti dolori alla gamba e al piede, e poco prima di morire le nausee quasi gli impedivano di mangiare. Nonostante questo, continuava a preoccuparsi dei bisognosi. Nel 1607 rinunciò alla direzione dell’ordine. Il 14 luglio 1614, a 64 anni, partì per il riposo eterno nella Casa del Padre.
Papa Leone XIII lo ha proclamato patrono dei malati insieme a San Giovanni di Dio. Pio XI lo ha dichiarato patrono anche delle associazioni dedicate ai malati.

 

Veniamo a noi
Avevo un amico erborista di nome  ‌Giannino,‌ ‌il‌ ‌quale‌ ‌un‌ ‌giorno, ‌ ‌mi‌ ‌parlò‌ ‌degli‌ ‌effetti‌ ‌‌“‌prodigiosi‌”‌‌ ‌di‌ ‌un‌ ‌‌‌B‌alsamo‌ ‌‌che‌ ‌produceva‌ ‌‌ ‌nel‌ ‌suo‌ ‌piccolo‌ ‌laboratorio artigianale.
La formula ‌gli‌ ‌era‌ ‌stata‌ “passata”  ‌‌da alcuni suoi conoscenti che facevano parte della congregazione religiosa dei fratelli ‌Camilliani‌‌ ( vedi sopra)
.‌ ‌
Giannino decise di parlarmene perché erano‌ ‌talmente‌ ‌tante‌ ‌le‌ ‌richieste‌ di questo balsamo che‌ ‌non‌ ‌riusciva‌ ‌più‌ ‌a‌ ‌stare‌ ‌dietro‌ ‌agli‌ ‌ordini‌ e mi chiese di produrlo per la sua erboristeria .
Inizialmente‌ ‌mi‌ ‌‌impegnai a‌ farlo  ‌solo‌ ‌per‌ ‌lui‌‌ ‌‌,‌ ‌‌non‌ ‌‌ero ‌interessato a‌lla  commercializzazione come laboratorio Fitocose, primo perché non era una mia formula , poi perché avevo  ‌già‌ ‌diverse‌ ‌pomate‌ ‌ed‌ ‌oli‌ ‌a‌ ‌base‌ ‌di‌ ‌Arnica‌ che consigliavo già per gli stessi problemi. Passò del tempo ‌prima che un giorno cambiassi idea e mi rendessi  ‌conto‌  ‌che‌ ‌forse‌ ‌avevo‌ ‌sottovalutato‌ ‌le‌ ‌proprietà‌ ‌“‌ ‌miracolose”‌  ‌del‌ ‌‌Balsamo‌ Camilliano
Il‌ ‌mio‌ ‌ginocchio‌ ‌ ‌
Come‌ ‌cap‌i‌ta‌ ‌alla‌ ‌maggior‌ ‌parte‌ ‌delle‌ ‌persone‌ ‌‌con l’avanzare degli anni ‌ ‌‌prima‌ ‌o‌ ‌poi‌ ‌‌dobbiamo fare‌ ‌i‌ ‌conti‌ ‌con‌ ‌malattie‌ ‌degenerative‌ ‌es. l’infiammazione delle articolazioni ,  ‌l’artrosi‌. ‌ ‌
Una‌ ‌mattina,‌ ‌dopo‌ ‌un’intera‌ ‌settimana‌ ‌piovosa,‌ ‌‌questa malattia  ‌fece‌ ‌il‌ ‌suo‌ ‌ingresso‌ ‌nel‌ mio‌ ‌ginocchio‌ ‌‌.‌ ‌Sembrava‌ ‌una‌ ‌cosa‌ ‌da‌ ‌niente‌ ‌ma‌ ‌‌quel giorno ‌ ‌mi‌ ‌‌svegliai‌  ‌con‌ ‌‌l’articolazione‌ infiammata.‌ ‌‌Ad‌ ‌ogni‌ ‌passo‌ ‌erano‌ ‌fitte‌ ‌fastidiose‌  ‌e‌ ‌camminare‌ ‌era‌ ‌una‌ ‌tragedia‌ ‌.‌ ‌‌Q‌ualche‌ ‌‌m‌ese‌ ‌prima‌ ‌ ‌‌la‌ ‌stessa‌ ‌cosa‌ ‌era‌ ‌capitat‌a‌ ‌al‌ ‌ginocchio‌ ‌‌di‌ ‌mio‌ ‌‌fratell‌o‌,‌ ‌ ‌‌gli‌ ‌si‌ ‌era‌ ‌gonfiato,‌ si muoveva‌ ‌a‌ ‌fatica‌ ‌e‌ ‌aveva‌ ‌deciso‌ ‌di‌ ‌farsi‌ ‌operare‌ ‌con‌ ‌un‌ ‌intervento‌ ‌innovativo:‌ ‌una‌ ‌infiltrazione‌ ‌a base di calcio  ‌per‌ ‌rafforzare‌ ‌l’osso‌ ‌degenerato‌ ‌dall’artrosi‌ ‌ed‌ ‌evitare‌ ‌così‌ ‌l’inserimento‌ ‌di‌ ‌una‌ ‌protesi.‌ ‌ ‌ ‌L’intervento aveva dato esito positivo e mi ero detto : se  ‌una operazione‌ ‌del‌ ‌genere‌ ‌‌ha  ‌‌funziona‌to‌ ‌sulla‌ ‌sua‌ ‌articolazione‌ genetica‌mente‌ ‌ ‌simile‌ ‌‌alla‌ ‌mia‌ ‌,‌ ‌‌perché‌ ‌‌non‌ ‌dovrebbe ‌ ‌funzionare‌ ‌‌anche‌ ‌sul mio ginocchio  ‌?‌ ‌ ‌

Nel frattempo con il lockdown di 3 mesi e il riposo forzato,  il mio ginocchio era migliorato, camminavo senza dolore, sembrava che il problema fosse rientrato  ma decisi comunque ‌di‌ ‌sottopormi‌ ‌‌allo‌ ‌stesso‌ ‌intervento‌ ‌‌perché‌ ‌le‌ ‌radiografie‌ ‌e‌ ‌la‌ ‌risonanza‌ ‌magnetica‌ ‌fatte‌ ‌3‌ ‌mesi‌ ‌prima‌ ‌parlavano‌ ‌chiaro‌ ‌:‌artrosi  ‌dell’osso‌ ‌femorale‌ ‌mediale‌ ‌‌ecc.ecc.:‌ ‌
L’intervento:
sono ‌entrato‌ ‌c‌o‌n‌ ‌le‌ ‌mi‌e‌‌ ‌gambe‌ ‌in‌ ‌sala‌ ‌operatoria‌ ‌e‌ ‌ne‌ ‌sono‌ ‌uscito‌ ‌
con‌‌ ‌‌l‌e‌‌ ‌stampelle‌ come giusto che sia almeno pensavo per i primi gg post operatori .‌ ‌ ‌Passano le settimane giorni‌ ‌ma‌ ‌il‌ ‌mio‌ ‌ginocchio‌ dopo l’intervento ‌non‌ ‌accennava‌ ‌a‌ ‌migliorare‌ ‌,‌ ‌anzi‌ ‌peggiorava‌ ‌,‌ ‌camminavo‌ ‌sempre con una stampella  ‌perchè‌ ‌non‌ ‌mi‌ ‌fidavo‌ ‌a‌ ‌sovraccaricare‌ ‌l’articolazione‌ ‌che‌ ‌era‌ ‌ancora‌ ‌dolorante.‌ ‌Passano ancora giorni ‌ ‌ed‌ ‌io‌ ‌ ‌‌non‌ ‌camminavo‌ ‌ancora‌ ‌bene,‌ ‌le‌ ‌ossa‌ ‌si facevano sentire ad ogni passo ‌,‌ ‌il‌ ‌dolore‌ ‌‌era‌ ‌presente‌ ‌‌ ‌per cui  ‌decisi‌ ‌di‌ ‌ri‌chiama‌re‌‌ ‌‌l’ortopedico‌ ‌che‌ ‌mi‌ ‌aveva‌ ‌operato.‌ ‌Risposta:‌ ‌‌“faccia‌ ‌lunghe‌ ‌passeggiate‌ ‌,‌ ‌si‌ ‌aiuti‌ ‌nel‌ ‌camminare‌ ‌con‌ ‌le‌ ‌racchette‌  ‌e‌ ‌vedrà‌ ‌che‌ ‌‌starà‌ ‌meglio.‌ ‌ ‌Ma io  ‌non‌ ‌camminavo‌ ‌‌ancora‌ ‌‌bene,‌ ‌‌ci mancavano anche le racchette , avevo‌ ‌‌dolore‌ ‌ad‌ ‌ogni‌ ‌passo‌ ‌‌e‌ ‌‌dopo‌ ‌più‌ ‌di‌ ‌2‌ ‌mese‌ ‌dall’intervento‌ ‌l’articolazione‌ ‌si‌ ‌era‌ ‌anche‌ ‌gonfiata‌ ‌‌,‌ ‌‌insomma‌  ‌‌prima‌ ‌‌che‌ ‌entrassi‌ ‌in‌ ‌sala‌ ‌operatoria‌‌ ‌‌il‌ ‌mio‌ ‌ginocchio‌ ‌funzionava,‌ ‌‌camminav‌o‌ ‌ ‌,‌ ‌ed‌ ‌ora‌ ‌come‌  ‌mi‌ ‌ritrovo?‌ ‌‌peggio‌ ‌di‌ ‌prima?‌
Così‌ ‌mi‌ ‌‌venne‌ ‌in‌ ‌mente‌ ‌il‌ ‌‌Balsamo‌ ‌camilliano‌ di Giannino .
Comi‌n‌ciai‌ ‌a‌ ‌spalmarlo la  ‌sera‌ ‌,‌ ‌giusto‌ ‌dava‌n‌ti‌ ‌al‌ ‌tv‌ ‌pima‌ ‌della‌ ‌borsa‌ ‌d‌e‌l‌‌ ‌ghiaccio‌ ‌sul‌ ‌‌ginocchio‌ ‌,‌ ‌la‌ ‌mattina‌ ‌dopo‌ ‌mi‌ ‌s‌e‌mbrava‌ ‌di‌ ‌stare‌ ‌meglio‌ ‌,‌ ‌camminavo‌ ‌‌g‌ià‌ ‌meglio‌ ‌‌del‌ ‌giorno‌ ‌prima‌ ‌,‌ ‌riprovai ‌ ‌per‌ ‌2‌,‌ ‌‌3‌,‌ ‌4‌ ‌sere‌ ‌di‌ ‌fila‌ ‌ e‌ ‌‌il‌ ‌mio‌ ‌ginocchio‌ ‌migliorava‌ ‌sempre‌ ‌di‌ ‌più‌ ‌,‌ ‌riuscivo‌ ‌a‌ ‌camminare‌ ‌senza‌ ‌avvertire‌ ‌dolore e in più l’articolazione‌  ‌si‌ ‌era anche  ‌sgonfiata. Sta‌ ‌di‌ ‌fatto‌ ‌che‌  ‌dopo‌ ‌un  ciclo di 10 applicazioni ‌ ‌del‌ ‌‌Balsamo‌‌ ‌io‌ ‌ora cammino‌ come‌ ‌prima.‌ ‌
Ci‌ ‌credete?‌ ‌E’‌ ‌relativo,‌ ‌ho‌ ‌voluto‌ ‌solo‌ ‌dare‌ ‌la‌ ‌mia‌ ‌testimonianza,‌ ‌
funziona‌ ‌si‌ ‌?‌ ‌funziona‌ ‌no?‌ ‌A‌ ‌me‌ ‌ha‌ ‌funzionato‌ ‌e‌ ‌ve‌ ‌l’ho‌ ‌scritto‌ ‌,‌ ‌niente‌ ‌di‌ ‌più‌ ‌

Baci‌ ‌ ‌


Spedizione Gratuita

Per aquisti superiori a 39,90 €

Sconto del 10%

Sul primo acquisto

Prodotti Freschi

Prodotti da noi al momento dell'ordine

Campioncini Gratuiti

A richiesta su ogni acquisto

Cosmetici certificati

cosmetici Biodizionario approved
cosmetici veganOk
cosmetici certificati bdih
cosmetici certificati dal codiceverde

Categorie

  • Home
  • Carrello
  • Mio Fitocose
  • >