Homepage Cosmetici Naturali Fitocose
Le Nostre Piante:
Seleziona la pianta e trova tutti i prodotti associati!

Glyceryl stearate citrate

Glyceryl stearate citrate è un emulsionante di natura anionica  ottenuto a partire dalla glicerina esterificata con acido stearico e acido citrico. Viene utlizzato nei sistemi bifasici O/A come creme e lozioni destinate al viso, corpo , ai solari e dopo sole.
Fornisce emulsioni stabili in un range di pH 5,5 - 8,0. Lo si utilizza in una percentuale che varia tra 1,5 - 3%. È possibile abbinare fattori di consistenza quali Alcohol cetilico, Alcohol cetilstearilico, Acido stearico per dare consistenza e stabilità alle sue emulsioni. 

Impiego cosmetico :
È considerato sicuro per l’uso cosmetico e non tossico se ingerito. Il suo impiego è approvata anche dall’industria alimentare. Non provoca irritazioni sulla pelle. È biodegradabile.
Le sue emulsioni presentano una buona applicabilità e stabilità con fasi grasse comprese tra il 20 - 35% per le creme e tra 10 - 25% per le lozioni con temperature comprese tra -25°C fino a 45° C.


Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/Cosmesi/Ingrediente/Glyceryl_Stearate_Citrate.html


Biodizionario.it guida al consumo consapevole dei cosmetici:
2 semafori verdi

Storia e tradizione popolare: emulsioni, emulsionanti e co-emulsionanti 
Le emulsioni sono sistemi termodinamicamente instabili costituite da due fasi  liquide immiscibili tra di loro , una delle quali è dispersa nell’altra in forma di goccioline di diametro compreso tra 0,5 e 100 µm. Per l’eccesso di energia libera associata alla tensione interfacciale delle goccioline della  fase dispersa, esse tendono ad aggregarsi al fine di ridurre l’area della superficie totale di contatto. La  formazione di un’emulsione quindi non avviene pertanto spontaneamente, ma richiede un input energetico esterno (agitazione o calore). Un terzo componente, un agente ad azione tensioattiva, ponendosi sulla superficie di separazione liquido-liquido, riduce la tensione interfacciale stabilizzando il sistema. Ne consegue che una emulsione deve avere almeno tre componenti: 2 fasi liquide immiscibili e un agente emulsionante e/o co-emulsionante come l'alcol cetilstearilico. Si possono distinguere due tipi di emulsioni : Olio in Acqua (O/A ): l'olio rappresenta la fase dispersa (o discontinua o interna)e l'acqua la fase disperdente (o continua o esterna); Acqua in Olio  (A/O ): l'acqua rappresenta la fase dispersa (o discontinua o interna) e l'olio la fase disperdente (o continua o esterna).
 
autore: Porto Pietro 
 
Bibliografia:
G. Proserpio:" Chimica e tecnica cosmetica"  ed. Sinerga  - 1993
G. Proserpio,A Malpede, AM Massera:"Fitocosmetopea Sinerga" ed . Sinerga  - 1995
Docenti.unicam.it/tmp/3607.pdf  - "Emulsioni " Https://it.wikipedia.org/wiki/1-esadecanolowww
My-personaltrainer.it/Cosmesi/Ingrediente/Potassium_Cetyl_Phosphate.htm



 

Il presente approfondimento costituisce opera intellettuale di proprietà di Fitocose s.r.l. non è consentito copiare questo contenuto a meno che non si citi esplicitamente la fonte da cui è stato attinto.

I prodotti Fitocose che contengono questo ingrediente:

Copyright 2008 © Fitocose S.r.l. | privacy | condizioni di vendita | p.iva: 11723280159
Viale Europa, 72 str. D 12 20090 Cusago - Milano - Tel 02.90.39.04.01 - Tel./Fax 02.90.39.03.23 - Email info@fitocose.it
Capitale sociale Euro 10.400 i.v. - Reg. Imprese di Milano MI-1491268 - CF11723280159 - Web by Dibix
Promiseland Biodizionario
 
>