Homepage Cosmetici Naturali Fitocose
Le Nostre Piante:
Seleziona la pianta e trova tutti i prodotti associati!

approfondimenti

Il contatto tra il cosmetico e la pelle
L'analisi sensoriale

 

              Il  contatto tra cosmetici e pelle : l’analisi sensoriale

Quando usiamo un cosmetico sulla pelle più o meno consapevolmente ne valutiamo le caratteristiche in termini di  qualità sensoriale attraverso la percezione dei nostri organi di senso .
Questa fase analitica coinvolge i 5 sensi ( vista, olfatto, tatto, gusto e udito)  anche se non sempre sono tutti prevalenti  allo stesso modo .
Subito si potrebbe pensare che uno degli elementi sensoriali determinanti sia il profumo  ma in realtà non è l’unico perché tutti i 5 sensi sono coinvolti nell’impatto sensoriale anche se uno o più sensi  possono essere dominanti  in base al tipo di cosmetico che stiamo usando.
Possiamo dare una valutazione  rapida riferita alla forma, aspetto, profumo se si tratta di un cosmetico destinato ad essere risciacquato come ad esempio un detergente,  oppure  se ci troviamo a valutare un nuovo acquisto più specifico come una crema per il viso  , la nostra analisi sensoriale diventa molto attenta e minuziosa soprattutto se riponiamo nel prodotto molte delle nostre aspettative .
Quando giudichiamo la qualità di un prodotto , nella nostra analisi prendiamo in considerazione , a livello più o meno cosciente,  due elementi fondamentali entrati ormai nel gergo comune del marketing e che sommati danno il senso di accettabbilità e di gradevolezza cosmetica :  la Texture e lo Skinfeel
In essi c’è tutta una serie di caratteristiche riguardanti   il colore , l’impatto odoroso,  la consistenza , la scorrevolezza , la permeabilità, la leggerezza, la luminosità, le sensazioni che suscita sulla pelle ecc ecc, che determinano quella complessa sensazione legata al momento della fase applicativa .
Il termine Texture , che significa letteralmente consistenza, indica più propriamente il comportamento di una forma cosmetica quando la preleviamo dal contenitore , quando la spalmiamo sulla pelle e capelli o quando la diluiamo nell’acqua della vasca o doccia. 
Può essere calcolata  anche mediante parametri di laboratorio come la viscosità e la densità ma questa valutazione pone dei limiti per la scarsa  possibilità di relazionarsi ai complessi meccanismi della psiche umana . Le misure strumentali , pur avendo raggiunto un livello di perfezione notevole , non sono in grado di descrivere un prodotto in modo compiuto e di conseguenza di definire il valore per il consumatore . Un prodotto può essere sviluppato secondo criteri ottimali dal punto di vista analitico –strumentale  e superare positivamente tutti i controlli di qualità, ma non potrà mai superare una percezione sensoriale di accettabilità, gradevolezza che solo l’interazione pelle e psiche può dare.
Lo Skinfeel
rappresenta la fase successiva e interessa più la via emozionale-edonistica  che suscita in noi il contatto tra il nostro corpo  e la forma cosmetica quando ne valutiamo l’effettiva gratificazione personale.
 Dal punto di vista formulativo , diversi sono gli elementi che possono influenzare la texture e lo skinfeel.  Infatti , quando tocchiamo  una crema , il contatto genera uno stimolo che dopo aver colpito i recettori tattili , viene trasportato come segnale nervoso al cervello . A livello cerebrale tutte le sensazioni ( incoscienti) vengono elaborate e trasformate in percezioni ( coscienti)
Tutte le informazioni vengono poi riunite in un messaggio  globale , la risposta sensoriale, in cui è possibile differenziare due componenti : una edonistica ( soggettiva) ed una sensoriale  oggettiva) e permette di ottenere informazioni relative a:
-caratteristiche organolettiche ( forma, aspetto, colore)
-intensità della percezione
- Impatto pelle / prodotto
 -proprietà meccaniche di frizione come spalmabilità, forze di coesione/adesione
-proprietà legate a specifici ingredienti

E’ un esempio per tutti la differenza tra creme  acqua in olio ( A/O) e olio in acqua (O/A) dove i componenti della fase grassa, il gelificante ma soprattutto il sistema emulsionante  determinano un significativo modulatore della sensazione applicativa. Quest’ultimo , essendo fattore di coesione all’interfaccia acqua/olio , pur a parità della quantità di fase oleosa per qualità e quantità,  cambia non solo le chimico-fisiche ma anche quelle sensoriali- applicative della crema quando l’emulsione si rompe sulla pelle al momento della stesura.
Infatti le O/A risultano più scorrevoli, leggere e asciutte mentre quelle A/O sono  meno spalmabili, untuose  e grasse
( Le creme  della nostra linea viso e corpo sono tutte emulsioni O/A ,  solo la crema Defence notte e della linea “la difesa della pelle” e Sinfonia K …..sono creme A/O)

La valutazione oggettiva dell’analisi sensoriale
La creazione di prodotti gradevoli non sempre è affidata ad un singolo esperto, il cosmetologo –formulatore, che , aiutato dalla sua esperienza e acume sensoriale , mette a punto saponi , creme e latti di bellezza piacevoli per il consumatore sulla base del proprio gusto personale.
Oggi lo scenario altamente competitivo in cui si muove il  mondo della bellezza, richiede anche  un cambiamento qualitativo netto in cui l’accettabilità dei prodotti cosmetici non può essere affidata alle decisioni e umori di una singola persona. E’ nata quindi l’esigenza di una nuova disciplina che consente di misurare in modo oggettivo ciò  che i sensi umani percepiscono a contatto con i cosmetici : l’analisi sensoriale.
Se per tradizione la cosmetologia si è sempre preoccupata di misurare in modo serio  e riproducibile l’efficacia e la sicurezza dei prodotti , in questo caso la misura della gradevolezza  risulta un parametro difficile da rendere oggettivo.
L’analisi sensoriale mette sul tavolo un insieme di caratteristiche che stimolano in vario modo i 5 sensi umani e che comprendono :
la consistenza, il colore, il profumo, i cambiamenti  al contatto con la pelle , profumo finale , lucentezza, colorito della pelle  ecc
Una bella definizione di analisi sensoriale è:
disciplina  scientifica che misura , analizza e infine interpreta le sensazioni che vengono  percepite dai sensi umani
Si tratta quindi di utilizzare l’uomo come strumento di misura perché chi meglio di lui può impiegare direttamente i sensi per misurare un insieme di dati complessi?  Tutti noi in ogni momento della nostra giornata diamo un senso al nostro vivere compiendo valutazioni sensoriali per es. come ci moviamo , come cerchiamo l’ombra in una giornata soleggiata o le posture  che assumiamo durante il sonno per trovare la posizione più comoda ecc.
Il difficile è provare a quantificare le percezioni sensoriali in condizioni standard che siano oggettive!
Per questo esistono appositi centri di valutazione che coinvolgono gruppi di persone volontarie che  sotto la guida di un esperto valutatore  , forniscono dati  secondo un protocollo standardizzato con una fase preparatoria dove viene spiegato il modo di operare , ed una successiva più pratica dove i soggetti valutatori si troveranno soli senza influenze esterne per dare il loro giudizio .

In generale esistono tre tipologie principali di test sensoriali:
-test discriminativi
-test descrittivi
-test edonistici

Il test discriminativo
confronta le differenze tra stesse  tipologie di campione di una stessa forma cosmetica e le mette in competizione tra loro  per  rispondere alla domanda : in che cosa  il prodotto A differisce dal prodotto B ?
Il test descrittivo
permette di effettuare una descrizione sensoriale completa tenendo conto di tutte le sensazioni percepite durante la valutazione di un prodotto
Il test edonistico
misura la preferenza  e l’accettabilità e si avvicina concettualmente alla classica  indagine di mercato .
Le caratteristiche  che si valutano sono:
Visive:     aspetto , colore, lucentrezza
Tattili:     scorrimento sulla pelle
Olfattive: profumo iniziale, nel tempo e percezione degli effetti

 Per concludere:
E’  molto importante il fatto che si sia sviluppata la pratica della valutazione sensoriale perché mette al centro di tutto il consumatore con i suoi sensi e aspettative   e non dati astratti . Ascoltare le sue richieste , quello che scrive e recensisce è fondamentale in questo contesto storico così  difficile , confuso , dove molti valori e concetti stanno cambiando il nostro modo di affronatare la vita  e il bisogno di etica e morale è così  tanto sentito e ricercato da tutti .

Autore: Porto Pietro

 

Bibliografia
M.Prevedello:”Cosmetologia” guida visuale – Tecniche Nuove  2004
R.Trenti : “Sensorialità dei cosmetici” –Cosmesi in farmacia -  Ottobre 2012
G.D’Agostini, E.
Mignini “Manuale del cosmetologo” – Tecniche Nuove 2007

Copyright 2008 © Fitocose S.r.l. | privacy | condizioni di vendita | p.iva: 11723280159
Viale Europa, 72 str. D 12 20090 Cusago - Milano - Tel 02.90.39.04.01 - Tel./Fax 02.90.39.03.23 - Email info@fitocose.it
Capitale sociale Euro 10.400 i.v. - Reg. Imprese di Milano MI-1491268 - CF11723280159 - Web by Dibix
Promiseland Biodizionario
 
>